Riflessioni sulla tazza

Lo sapevate che in Brasile  la carta igienica non si butta nel wc? Ebbene si, la si getta in un cestino appositamente posto accanto al sanitario. All’inizio pensavo si trattasse di un uso legato a vecchi sistemi idraulici e che non potesse essere generalizzato all’intero paese ed invece, dai locali pubblici alle abitazioni private, vicino alla tazza spunta sempre un bel cestino. Ad oggi, talvolta, ancora mi rifiuto di riporre la carta usata lì dentro. La mia è a volte distrazione e altre presunzione. Contro la prima posso far poco (anni e anni di abitudine!) ma sulla seconda c’è da riflettere: ancora non mi sono imbattuta in un bagno maleodorante, anzi, vi sono localini da lunch milanesi con il minuscolo bagno di inizio ‘900 decisamente più rivoltante di qualsiasi bagno finora visitato qui; inoltre comincio a pensare che il modo brasiliano sia più ecologico del nostro, definendo, nelle acque sporche, la presenza di solo materiale organico. Devo pensarci ancora un po’ su.

Vado in bagno a riflettere…

Annunci

3 Risposte to “Riflessioni sulla tazza”

  1. alice Says:

    guarda che anche al paese di mio padre a messina la cartaigienica la buttano nel cestino.

  2. Teo Says:

    Questa davvero non la sapevo. Ma il cestino è chiuso, ha un pedalino? Forse contro l’abitudine si può fare poco, ma contro la presunzione… pure.

  3. blogorroica Says:

    Il cestino è chiuso, talvolta senza pedalino però, e ti tocca di andar lì a spostare il coperchio con le mani…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: